giovedì 14 novembre 2013

Mestieri incompresi

«Tu di cosa ti occupi?»
«Editoria. Faccio la redattrice.»
«Ah, bello! E per quale giornale scrivi?»
«No, non scrivo per un giornale, lavoro in una casa editrice...»
«E che giornali pubblica, questa casa editrice?»
«Nessun giornale, pubblica libri.»
«Caspita! Allora sei una scrittrice!»

«E tu, invece, che lavoro fai?»
«La redattrice.»
«Ah, la giornalista!»

«Sì, la redattrice in una casa editrice. Redattrice editoriale.»
«Fate libri, quindi.»
«Eh sì, praticamente sì.»
«Quindi hai fatto una scuola di grafica...»
«No, a dire la verità no, ho una laurea in discipline umanistiche, un master in editoria e...»
«Sì, vabbè, ma fondamentalemente sei una grafica.»

«Che lavoro fai?»
«La redattrice.»
«Ma dai, l’arredatrice!»
(Ridacchia) «Eh eh, no... La RE DAT TRI CE. Redattrice editoriale. Lavoro in una casa editrice.»
«Ah! Avevo capito male!»
«Ma sì, certo, capita. Mi fa ridere perché di solito quando dico “redattrice” la gente capisce male, ma nel senso che non sa cosa vuol dire.»
(Ride) «Ah ah... immagino, c’è un sacco di gente ignorante in giro. No, no, io avevo solo capito male il termine, ma lo so bene cosa fai. Sicché da quanto è che lavori come giornalista?»




Ascoltando You don’t understand me, Roxette (Don’t Bore Us, Get to the Chorus! - Roxette’s Greatest Hits, 1995)

Nessun commento:

Posta un commento